SE FOSSE STATA FACILE LA VITA

Se fosse stata facile la vita
col padre del mio cuore
l’avrei ricostruita.

Amai di lui
quello che ancora vedo:
quell’allegria sfacciata,
l’essere da parte,
il non volere mai una coccarda,
la sua genialità forte e testarda.

Di lui odiai
il non capirmi mai.

Forse portammo pesi esagerati,
una valigia gonfia che s’aprì
e poi fu sparsa al vento:
i sacrifici, tutti quei progetti
se l’è ingoiati questa terra dura.

Ma l’onestà per noi fu più della paura.
E il nostro viale diventò due strade.

Mogli e mariti mano nella mano
li puoi vedere ridere da mattina a sera:
e sembrano la pubblicità
della dentiera…

Ma noi sappiamo quanto si raddoppia
la solitudine dentro ad una coppia.

E non si finge, noi,
si preferisce
la dignità, il rigore, la poesia:
questo conforto della civiltà
fatto d’una grandezza tutta tua e mia.

Ma pure se fosse facile la vita,
padre del cuore mio,
tu mi conosci e sai.

Quando sono partita
io non ritorno mai.



gianni (1)




Banco Del Mutuo Soccorso –